Alimentazione, stress e minerali

Vivere in Italia ed essere "vicini", abituati ai cibi mediterranei, è sicuramente un vantaggio, dal punto di vista del rapporto tra la salute e l'alimentazine, perché la dieta mediterranea, se è seguita, garantisce un buon apporto di vitamine e sali minerali, ed evita le grandi quantità di grassi saturi.

Se si pensa che negli Stati Uniti solo un americano su 10 consuma quanto è raccomandato mangiare giornalmente, in termini di frutta e verdura, si può sicuramente affermare che, diversamente di quanto accade in altri campi, l'Italia avrebbe molto da insegnare all'America, o agli stessi Paesi del Nord Europa, per esempio. Se la quantità di ferro è insufficiente si può determinare uno stato d'anemia, così come se è il calcio a non bastare, le ossa sono deboli. Quando lo stato di tensione e il nervosismo sono ad alti livelli, la quantità di sali minerali del nostro corpo può oscillare, perché alcuni ormoni, come l'adrenalina e il cortisolo, che sono prodotti dall'organismo nelle condizioni di emergenza, provocano una ritenzione di sodio e favoriscono  l'eliminazione del potassio.

Nelle condizioni di stress, le facoltà mnemoniche e la capacità di apprendere subiscono un calo. Tra i sali minerali, il magnesio è coinvolto nell'assorbimento dell'ossigeno da parte del cervello e nei processi che trasmettono gli impulsi nervosi. Là dove sia carente, possono fare la loro comparsa sintomi patologici come la depressione, l'irritabilità e uno stato generale d'ansia. Le vitamine E, A e C, all'opposto, sono semplici "fattori" contro lo stress, e agiscono contrapponendosi all'azione dei radicali liberi, causa di precoce invecchiamento cellulare.

Un altro rapporto tra alimentazione e sistema nervoso si osserva valutando l'azione delle vitamine del gruppo B, che appunto favoriscono l'attività del sistema nervoso stesso, e sono necessarie per produrre i globuli rossi. Calcio, fluoro, ferro, magnesio, fosforo, zinco, rame, potassio, selenio e sodio sono minerali necessari per la nostra salute, e basta seguire una dieta corretta per assicurare al corpo un apporto sufficiente. Certo è indispensabile seguire una alimentazione varia, escludere i pasti a base di panini, evitare, se è possibile, gli alimenti troppo modificati da processi di conservazione o di altro tipo.