Come bisogna mangiare

Desidero trattare di come si debba mangiare durante la giornata, considerando quali sono le possibilità e le abitudini più comuni in chi oggi svolga una normale attività di lavoro o di studio e non soffra a causa di malattie particolari. Resto del parere che ognuno debba costruirsi il proprio piano alimentare in base ai propri consumi, gusti e bisogni: niente, comunque, in linea generale , è dannoso, purché venga consumato nelle giuste quantità. Al mattino il latte va molto bene. In quello parzialmente scremato c'è una dose minore di vitamine liposolubili.

Si deve preferire il latte fresco perché se si apre una confezione di latte a lunga conservazione e poi .lo si tiene nel frigorifero esso perde le sue proprietà. Con il latte vanno bene i prodotti da forno, anche le merendine, ma è importante leggere le etichette poste su questi prodotti per verificare se sono presenti grassi animali o vegetali ( meglio i secondi), se si è fatto uso di additivi, quali e quanti conservanti sono stati utilizzati. Il pane non deve essere stato confezionato facendo uso di strutto: rispettata questa condizione, il classico "pane e latte" rappresenta una buona colazione. Queste sono indicazioni generali.

 Se poi una persona a mezzogiorno non può mangiare in modo corretto e accettabile e deve accontentarsi del panino veloce in piedi al bar, niente gli vieta di completare la prima colazione con prosciutto o uova. A metà mattino va molto bene uno yogurt (a questo proposito, anche se può avere una scarsa connessione con questo discorso se si segue una cura antibiotica associare il consumo di yogurt è una scelta intelligente).

 mezzogiorno, se proprio si deve mangiare un panino, è meglio il pane croccante, con insalata e bresaola o prosciutto crudo. Per digerire bene dobbiamo comunque introdurre carboidrati : il pranzo ideale è rappresentato da un piatto di pastasciutta con pomodoro poco cotto o legumi. A merenda consiglio della frutta o yogurt e a cena carne o pesce o uova con verdure. Il vino non è necessario, è accettabile: meglio, a pasto, un bicchiere di vino rosso, piuttosto che bianco perché quest'ultimo spesso deriva da uve anche nere, ma è trattato con sostanze come il bisolfito che serve per renderlo limpido, ma non è salutare. Ideale, dopo i pasti, una passeggiata anche breve