Bambini e piccoli incidenti: come intervenire

Quando si deve affrontare il problema costituito da una piccola contusione cioè un trauma non grave costituito ad esempio da una caduta, sono utili le applicazioni fredde con panni bagnati o ghiaccio; se si sospetta la frattura o la presenza di contusioni che interessino le articolazioni, bisogna mettere a riposo il bambino e farlo visitare da uno specialista.

Se ci sono ferite della cute , prima va pulita bene tutta la parte interessata, con acqua possibilmente bollita e sapone, poi bisogna disinfettare (va bene l'acqua ossigenata a dodici volumi) quindi è utile applicare un prodotto locale antibiotico, ricoprendo infine con garza sterile, non con cotone idrofilo. Nelle ustioni si interviene applicando delle pomate specifiche o a base di olio di fegato di merluzzo, sempre dove avete eseguito la pulizia del settore coinvolto. In casi di morsi di cani o gatti si deve disinfettare la ferita nel modo già descritto e preoccuparsi di tenere l'animale in osservazione per individuare eventuali sintomi di rabbia.

Oltre alla cura specifica bisogna non dimenticare la profilassi dell'infezione tetanica. Se il bambino viene morsicato da una vipera bisogna provvedere il più velocemente possibile al trasporto del bambino in ospedale, cercando di mantenerlo il più calmo possibile. Contro le punture di insetti si applicano pomate antistaminiche o si eseguono toccature con ammoniaca al 3% . Se c'è un'ingestione di farmaci o di sostanze velenose in dosi massicce è meglio non perdere tempo a cercare un medico ma provvedere ad un rapido trasporto del bambino al pronto soccorso, o meglio ad un centro di tossicologia. In ogni caso in una fase successiva ai primi soccorsi , è sempre meglio richiedere l'aiuto di un pediatra.