L'apparato cardio-circolatorio

L'apparato cardio-circolatorio è formato dal sangue, dai vasi sanguigni e dal cuore ed ha il compito di trasportare le sostanze nutritive, l'ossigeno e l'anidride carbonica. Il sangue è costituito da una parte liquida, il plasma, e da una parte corpuscolata, formata da cellule. Il plasma è composta da acqua in cui sono disciolte varie sostanze quali quelle nutritive provenienti dalla digestione, quelle di rifiuto, i sali minerali, gli ormoni, numerose proteine, ecc. La parte corpuscolata è formata dalle cellule del sangue che sono: i globuli rossi o eritrociti o emazie, i globuli bianchi o leucociti, le piastrine o trombociti.

I globuli rossi sono cellule a forma di disco biconcavo prive di nucleo. Essi vivono 120 giorni e vengono continuamente prodotti dal midollo rosso delle ossa. Questi globuli sono di colore rosso per la presenza dell'emoglobina, una proteina contenente ferro che si combina alternativamente con l'ossigeno e con l'anidride carbonica, consentendo il trasporto di questi gas. In un millimetro cubo di sangue si trovano circa 5 milioni di globuli rossi.

I globuli bianchi sono cellule provviste di nucleo che vengono prodotte dal midollo rosso, dalla milza e dai linfonodi. Essi si distinguono in granulociti, in linfociti e monociti e svolgono un compito di difesa nel nostro corpo. In un millimetro cubo di sangue ci sono circa 4000-8000 globuli bianchi. I globuli bianchi hanno la capacità di muoversi, di uscire dai vasi sanguigni e di spostarsi nelle varie parti del nostro corpo.

Le piastrine sono corpuscoli privi di nucleo, il loro numero è di circa 300.000 per millimetro cubo di sangue e vengono prodotte dal midollo rosso e distrutte dalla milza. Le piastrine sono adibite alla coagulazione del sangue. Quando ci feriamo, esse intervengono liberando una sostanza in grado di trasformare il fibrinogeno, una proteina contenuta nel plasma, in fibrina, la quale crea una fitta rete dove restano impigliati i corpuscoli del sangue. Si forma così un grumo, il coagulo, che impedisce l'emorragia. I vasi sanguigni sono una fitta rete di vasi che raggiungono tutte le parti del nostro corpo. Essi si distinguono in arterie, vene e capillari.

Le arterie sono vasi cilindrici, con pareti muscolari robuste ed elastiche, che si ramificano in vasi sempre più piccoli detti arteriole. Le arterie trasportano sangue ricco di ossigeno e di sostanze nutritive, detto sangue arterioso, dal cuore verso la periferia e si trovano generalmente in profondità, sotto i muscoli.

Le vene sono vasi cilindrici, con pareti muscolari sottili, che si ramificano in vasi sempre più piccoli detti venule. Le vene trasportano sangue ricco di anidride carbonica e di sostanze di rifiuto, detto sangue venoso, dalla periferia al cuore. Per impedire al sangue di refluire in senso opposto, le pareti delle vene dono provviste di valvole a "nido di rondine".

I capillari sono vasi sottilissimi, di qualche micron di diametro, che collegano le arterie con le vene attraverso arteriole e le venule. I capillari, che raggiungono tutte le cellule, hanno pareti sottilissime. Ciò favorisce la diffusione di ossigeno e di sostanze nutritive dai capillari arteriosi verso le cellule e la diffusione di anidride carbonica e di sostanze di rifiuto dalle cellule ai capillari venosi, e da questi alle venule e quindi alle vene vere e proprie.

Il cuore può essere definito una robusta pompa situata sopra il diaframma, tra i due polmoni. Il cuore è un muscolo cavo e involontario che pesa, nell'adulto, circa 300 grammi ed è avvolto da una membrana protettiva, il pericardio. Il cuore è diviso da una robusta parete muscolare in due parti che non comunicano tra loro: la parte destra è destinata a raccogliere il sangue venoso e la parte sinistra è destinata a raccogliere il sangue arterioso. Ciascuna di queste due parti è divisa, a sua volta, in senso orizzontale; si creano così due cavità per parte: quelle superiori sono dette atri e quelle inferiori sono dette ventricoli. Ogni atrio comunica col ventricolo sottostante per mezzo di una valvola, la tricuspide tra atrio e ventricolo destro, e la bicuspide o mitrale tra atrio e ventricolo sinistro.