Clone

DOMANDA: Per piacere, vorrei capire cosa si intende quando si parla di un CLONE. Grazie

Marco M., anni 15, Livigno

RISPOSTA: La riproduzione può essere sessuata (o gamica) o asessuata  (cioè agamica). Nel primo caso, un figlio nasce da due genitori di sesso opposto e ha un patrimonio genetico che deriva da ambedue. Nel secondo caso, il nuovo individuo nasce da un singolo genitore, e la discendenza di un individuo  ottenuta per via asessuale viene chiamata CLONE. Se non intervengono mutazioni, cioè cambiamenti provocati da sostanze tossiche, eccessivo calore, radiazioni x o gamma, ecc., i componenti di un clone hanno lo stesso genotipo, quindi sono identici.

Cloni di batteri possono essere ottenuti isolando singole cellule batteriche e lasciandole crescere e dividersi in terreni adatti. Alcune varietà di alberi da frutto ( per esempio di aranci) sono cloni propagati per molte generazioni per innesto di gemme di un unico albero.