I cromosomi

DOMANDA: Gentile dottore, vedo che, tra l’altro, lei si occupa molto di genetica. Mi può spiegare in quale modo i cromosomi trasmettono i caratteri ereditari? Grazie.

Fausto M., anni 61

Mandello.

RISPOSTA: I cromosomi trasmettono i caratteri ereditari perché partecipano in modo attivo alla divisione cellulare. Abbiamo 4 stadi. Nel primo, chiamato profase, nel nucleo cominciano a rendersi individuali i cromosomi, in numero preciso e costante per ogni specie. Essi sono formati da due filamenti abbinati chiamati cromatidi. Poi c’è lo stadio della metafase, in cui i cromosomi si dividono longitudinalmente in due, in modo che i cromatidi acquistino il valore dei cromosomi. Nella fase successiva, o anafase, i due nuovi gruppi di cromosomi, che si sono così formati, si spostano verso i due poli della cellula; nell’ultima fase, o telofase, all’equatore della cellula compaiono due solchi, mentre i cromosomi perdono la loro individualità e c’è la scissione definitiva delle due cellule figlie. Segue un periodo di riposo detto interfase. Questi fenomeni, che costituiscono la MITOSI, hanno lo scopo di dividere dal punto di vista quantitativo e qualitativo il patrimonio genetico fra i due nuclei figli, mantenendo costante nelle generazioni cellulari successive il numero dei cromosomi.