L'apparato respiratorio

 

L'apparato respiratorio è formato dalle vie respiratorie e dai polmoni: le vie respiratorie o aeree comprendono le cavità nasali, la faringe, la laringe, la trachea e i bronchi; i polmoni sono costituiti dalla ramificazione dei bronchi in bronchioli, che terminano negli alveoli polmonari. 

Attraverso il naso l'aria entra nel nostro corpo e viene purificata, umidificata, e riscaldata nelle cavità nasali. Dal naso l'aria passa alla faringe, dove c'è l'epiglottide che, chiudendo la laringe, impedisce al cibo di penetrare nelle vie aeree. Dalla faringe l'aria passa quindi nella laringe, organo a forma di imbuto rovesciato costituito da cinque pezzi cartilaginei. Nella laringe si trovano le corde vocali, membrane che vibrano al passaggio dell'aria producendo suoni; questi suoni possono essere trasformati in "parole" dai movimenti della lingua e delle labbra. Dalla laringe l'aria passa nella trachea, un tubo flessibile di circa 12 cm situato davanti all'esofago e formato da anelli cartilaginei aperti posteriormente a forma di "C"; le pareti interne delle trachea presentano delle ciglia vibratili che servono ad allontanare (provocando un colpo di tosse) eventuali corpi estranei o impurità. La parte inferiore della trachea si divide in due rami, i bronchi, che penetrano nei polmoni ramificandosi in rami sempre più piccoli, i bronchioli. Questi terminano negli alveoli polmonari, piccole vescichette avvolte da capillari sanguigni che costituiscono la vera struttura dei polmoni. I bronchi, i bronchioli e gli alveoli polmonari costituiscono l'albero bronchiale, che è interamente contenuto nei polmoni, due masse spugnose ed elastiche di forma conica; i polmoni si trovano all'interno della gabbia toracica, che li protegge, e sono appoggiati ad un robusto muscolo, il diaframma. La superficie esterna dei polmoni è rivestita da una membrana, la pleura, formata da due strati, uno aderente ai polmoni e l'altro alla gabbia toracica; trai due vi è il liquido pleurico che funziona da lubrificante.

L'apparato respiratorio ha il compito fondamentale di fornire ossigeno alle nostre cellule e di espellere l'anidride carbonica. Ciò avviene attraverso un'importante e complessa funzione, la respirazione, che è il risultato di due diversi processi. il primo processo è quello di scambio fra l'ossigeno presente nell'aria e l'anidride carbonica proveniente dalle cellule. Questo scambio, detto respirazione esterna o polmonare, avviene negli alveoli polmonari per diffusione. L'ossigeno, qui presente in alta concentrazione, si diffonde, attraverso le sottili pareti degli alveoli e passa nei vasi capillari che li circondano. Nei vasi capillari l'ossigeno si lega al sangue che lo trasporta a tutte le cellule del corpo. Contemporaneamente, l'anidride carbonica presente nei capillari in alta concentrazione si diffonde, passa negli alveoli polmonari e da qui, attraverso l'aria, viene espulsa all'esterno.

Il secondo processo è quello dell'utilizzo dell'ossigeno da parte delle cellule per la combustione delle sostanze nutritive, con conseguente produzione di anidride carbonica.

Questo processo detto respirazione interna o cellulare, avviene nelle cellule, più precisamente nei mitocondri. L'ossigeno e l'anidride carbonica si scambiano ancora per diffusione. L'ossigeno, ora presente nei vasi sanguigni in alta concentrazione, si diffonde attraverso le pareti dei vasi capillari e penetra nelle cellule. Qui viene utilizzato dai mitocondri per la combustione delle sostanze nutritive. Contemporaneamente l'anidride carbonica prodotta dalla combustione, presente in alta concentrazione nelle cellule, si diffonde, attraverso la membrana cellulare e passa nei capillari dove si lega al sangue che la porta negli alveoli polmonari.

Le vie respiratorie e i polmoni sono spesso bersaglio di infezioni provocate da batteri, da virus e da agenti tossici (gas, polveri, ecc.): questi agenti possono infatti penetrarvi con facilità insieme all'aria inspirata.

Esempi di infezioni delle vie respiratorie sono:

- il raffreddore e l'influenza;

- la faringite e la laringite;

-la bronchite.

Una seria malattia è l'infiammazione degli alveoli polmonari, la polmonite, causata da vari tipi di germi; essa provoca febbre alta, tosse, dolori al torace e, a volte, complicazioni cardiache. Anche la tubercolosi è di origine batterica; essa è una grave malattia estremamente contagiosa. Anche se la tubercolosi oggi è curabile, è bene prevenirla con la vaccinazione.

Malattie causate da sostanze irritanti o tossiche presenti nell'ambiente sono:

- L'asma bronchiale, alcune forme di rinite e il raffreddore da fieno.

- Il saturnismo.