La cistite

Esistono molti fattori che possono divenire causa di infezioni delle vie urinarie ,e in questo genere-gruppo di malattie, la cistite è tra le più frequenti. La stipsi è una realtà che spesso porta alla cistite, perché se le feci permangono a lungo nell'intestino può accadere che ci sia un passaggio di microbi fecali negli organi genitali, e quindi nell'uretra. In questi casi è utile una terapia basata sull'assunzione quotidiana di fermenti lattici per un mese, poiché da essi viene uno stimolo alla funzione intestinale, che trova giovamento anche nel movimento e quindi nel modificare le proprie abitudini di vita, là dove siano piuttosto sedentarie.

Anche l'insufficiente pulizia personale è tra le cause della cistite, come pure l'abitudine di bere poco: in condizioni di normalità bisognerebbe introdurre almeno un litro e mezzo di liquidi ogni giorno, ma se si è una persona che incorre frequentemente nella cistite arrivare a due litri è utile perché diluisce la concentrazione dei batteri e promuove la disinfezione naturale delle vie urinarie.

Essendo difficile eliminare totalmente il microrganismo che è causa della cistite, dopo un esame delle urine, un antibiogramma e la successiva scelta dell'antibiotico più adatto, è consigliabile intervenire sempre subito al comparire dei primi sintomi, evitando poi in modo preventivo le recidive, che, là dove non ci sia attenzione, sono in effetti frequenti. Diversamente da quanto si creda hanno scarsa importanza, per non dire scarsissima o nulla, i prodotti per il bagno, i saponi e gli indumenti aderenti