la_provincia.jpg (2536 byte) la riproduzione cellulare

Ogni cellula vive, si nutre e cresce, poi, quando ha raggiunto una certa dimensione, si spezza in due cellule identiche, come fa la goccia di un liquido quando è troppo grossa. Queste due cellule vivono, crescono, e, a loro volta, si spezzano in due parti esattamente uguali. La cellula madre continua ad esistere, anche se invisibile, divisa nelle due cellule figlie, poi nelle quattro nipoti, nelle pronipoti, e così via. In un certo qual modo è immortale. La nascita di due cellule figlie a partire da una cellula madre è un evento che si ripresenta anche ogni 20 minuti. La vita degli esseri viventi, e in particolare degli unicellulari, non si può definire tranquilla. Un enorme numero di essi non raggiunge incolume la fine di quei 20 minuti, che sembrano tanto brevi, ma che possono racchiudere tante tragedie, come il freddo, l’eccessivo calore, la mancanza di cibo, i nemici mortali. La presenza del nucleo, nella cellula, è fondamentale per la vita. Se in una cellula si elimina artificialmente il nucleo, tagliandola per esempio in due in modo che solo una sua parte contenga il nucleo, si vede che nella parte in cui c’è il nucleo i processi vitali continuano a svolgersi regolarmente, mentre nella parte in cui esso manca l’attività rallenta e si esaurisce, finchè c’è la morte. Condizione essenziale perché una cellula madre produca due cellule figlie entrambi vitali è che il nucleo si distribuisca equamente tra le due figlie, cioè la effettiva divisione della cellula deve essere preceduta dalla divisione del nucleo. Questa divisione nucleare può avvenire in due modi: uno più semplice, che è la divisione DIRETTA, in cui il nucleo si comporta come un pezzo di pasta da fornaio, cioè si allunga acquistando l’aspetto di un budello, poi si strozza nel mezzo e finisce per dividersi in due pezzi circa uguali; l’altro è la divisione INDIRETTA o MITOSI; anche nella mitosi, dopo che la cellula ha raggiunto determinate età e dimensioni, le sue varie parti si scindono attraverso una complicata serie di passaggi, fino a che si creino due nuove cellule simili.