La sinusite frontale

La sinusite frontale è una infezione acuta o cronica, mono o bilaterale, dei seni frontali, ed è generalmente provocata da agenti patogeni come lo STREPTOCOCCUS PNEUMONIAE o l’HAEMOPHILUS INFLUENZAE. Le cause possono essere: i bagni in bacini d’acqua o in piscina, le infezioni che hanno origine dal naso, l’alterazione cronica del passaggio di aria nel seno frontale. La deviazione del setto nasale, che sia grave, la poliposi nasale e il cosiddetto osteoma del seno frontale sono FATTORI  PREDISPONENTI. Compare raramente nell’età pediatrica, in seguito a tutte le età. Di solito il paziente, nella sinusite frontale acuta, accusa comparsa rapida e acuta di dolori intensi, pulsanti e trafittivi, sopra il seno interessato, e nella regione dell’occhio, e questo dolore aumenta piegando avanti il capo; poi c’è uscita di muco purulento dal naso, e lieve ostruzione respiratoria nasale. Nella sinusite frontale cronica i sintomi sono piuttosto aspecifici, con sensazione di tensione sorda o di dolori cronici persistenti e presenti solo su un lato; c’è lieve ostruzione respiratoria nasale e presenza di muco. Per diagnosticare una sinusite frontale prima di tutto si esegue un’ispezione, accompagnata dalla palpazione della zona interessata. Metodi d’indagine sono la RINOSCOPIA anteriore e posteriore, il tampone nasale, l’esame ECOGRAFICO, gli esami RADIOLOGICI, la TAC, l’esame emocromocitometrico e la VES (che si realizzano grazie ad un prelievo di sangue), la diagnostica liquorale, cioè relativa al liquor, se ci sono segni di coinvolgimento delle meningi, ed eventualmente la visita oculistica. La TERAPIA CONSERVATIVA si basa sull’uso delle gocce nasali con vasocostrittore e sull’inserimento di una garzina imbevuta di un vasocostrittore nel meato medio. Utile la terapia con infrarossi, nonché l’aspirazione del secreto nel meato medio. Si somministrano antibiotici in combinazione con antiflogistici (esempio: amoxicillina + acido clavulanico associato a diclofenac). Sono curative le inalazioni con mucolitici o fumenti con camomilla. Si ricorre all’intervento chirurgico nelle urgenze e quando la sinusite frontale resiste alla terapia, o se c’è un osteoma del seno frontale. La PROGNOSI è buona, se si eliminano le cause, come affermano WOLFGANG ARNOLD e UWE GANZER nel loro COMPENDIO DI OTORINOLARINGOIATRIA. Sono frequenti le RECIDIVE se la terapia è solo conservativa.