La medicina antroposofica

La medicina antroposofica si fonda sull'ANTROPOSOFIA ,dottrina cui diede forma lo studioso austriaco RUDOLF STEINER, e identificabile come il sapere e la saggezza attorno al concetto di essere umano, che può trovare dentro di sé la capacità di conoscere e comprendere ciò che costituisce la "realtà soprasensibile" ricorrendo a metodi particolari di sviluppo dello spirito. La medicina antroposofica vede l'essere umano come collegato alla natura , ma superiore rispetto ad essa , in quanto dotato di un'anima e di uno spirito, e se il corpo è un contenitore per lo spirito, lo spirito stesso e l'anima hanno comunque bisogno del corpo per entrare in contatto con il mondo e percepirlo.

Se l'anima dipende dal ritmo della respirazione e dalla circolazione, è nella testa il mondo dei pensieri e dei sensi, e la volontà si concretizza nel movimento degli arti, nell'attività muscolare. Il corpo, l'anima e lo spirito sono sistemi complementari e interdipendenti, operano continui scambi reciproci e finchè esiste uno stato di armonia tra essi non subentra la MALATTIA, la cui causa non è dunque ,per la medicina antroposofica, un fattore esterno rispetto all'individuo, ma è dentro la persona stessa. Io ritengo che questo sia un concetto molto valido , perché stabilisce un rapporto di rispetto nei confronti dell'organismo, in quanto ciò che manca in larga misura oggi là dove ci si confronti con la realtà di un disturbo o di una malattia è la visione globale del problema e soprattutto della condizione mentale e fisica della persona :il sintomo è visto come il segnale della presenza di un nemico, il nemico è la malattia , e il corpo diventa il veicolo dell'azione di un'arma di offesa nei confronti del malessere o del disturbo, e quest'arma è il farmaco, il più efficace possibile, il più potente possibile, perché ciò che conta è stare-bene-subito. L'approccio alla malattia è oggi spessissimo irrispettoso del corpo : non conta cosa stia dicendo il corpo stesso quando soffre, ma conta come esso sia percorribile e possa essere invaso dal rimedio chimico. La medicina antroposofica individua nei primi sintomi un importante segnale di allarme e cerca di affrontarli con i rimedi adatti e con una trasformazione interiore che sia uno stimolo per le forze capaci di ricondurre alla salute.

Questa dottrina individua nell'uomo un OGGETTO BIOLOGICO, che ha un patrimonio ereditario, un OGGETTO PSICHICO, quindi con un suo mondo interiore, in grado di influenzare le condizioni di malattia e salute, e un OGGETTO SPIRITUALE, che ha un'autocoscienza. L medicina antroposofica fa ricorso a medicamenti che hanno origine dal mondo minerale, vegetale e animale, preparati sotto forma di pomate, granuli, tavolette, gocce, fiale, ed espressi in DILUIZIONI DECIMALI, dinamizzati come i prodotti della omeopatia classica. Tuttavia, si fa ricorso anche alla DANZA, alla RECITAZIONE e alla PITTURA, e comunque, prima di qualsiasi indicazione relativa al tipo di cura più adatto, viene dato spazio ad un approfondito lavoro di conoscenza della persona ammalata.