Sfogare le proprie emozioni attraverso la scrittura

La rivista scientifica Jama ha pubblicato quest'anno i risultati di un interessante esperimento che ha avuto come scopo il dimostrare la validità dello scrivere e del mettere sulla carta le proprie emozioni nell'attuare una semplice cura contro lo stress. La ricerca è stata effettuata su persone sofferenti di asma e artrite reumatoide, patologie che sono, appunto, fonte di una condizione di affaticamento e di sofferenza psicologica.

Si è proposto di scrivere, descrivendo gli episodi e le vicende maggiormente imputabili di essere fattori di stress nella loro vita, a un gruppo di persone scelte fra 51 ammalati di artrite reumatoide e a 61 asmatici, mentre alla restante parte si è chiesto di trattare la descrizione,di un vissuto che non fosse costituito da esperienze stressanti. A distanza di 2 settimane, 2 mesi e 4 mesi a partire dall'inizio dell'esperimento gli asmatici e gli ammalati di artrite sono stati sottoposti a visita medica, rispettivamente ad una spirometria e ad un controllo specialistico.

Da notare il fatto che chi valutava i pazienti non sapeva a quale dei 2 gruppi ciascuno appartenesse. Si è visto che dopo 4 mesi il 47% di coloro che avevano scritto parlando del proprio stress e delle proprie emozioni rappresentava un gruppo di persone che stava meglio, e questo significava accusare un minor dolore per gli artritici e testimoniare una confermata capacità polmonare migliore per quanto concerne gli asmatici. Solo il 24% dei pazienti che avevano scritto senza parlare del proprio stress è migliorato.

Tutto ciò conferma una realtà alla quale io credo da tempo: scrivere, anche solo per se stessi, tenere un diario, in ogni caso esprimere il proprio malessere attraverso qualsiasi forma di creatività, che va dal disegno alla scultura, all'espressione con le parole, è terapeutico