Il movimento e la corsa contrastano l’invecchiamento

La rivista dei medici americani, Jama, pubblica i risultati di una sperimentazione interessante che prese spunto sei anni fa quando un medico dell'università di San Francisco chiese a 30 persone sopra i sessantanni di dedicare un'ora delle loro giornate al correre lentamente o semplicemente al camminare. Erano individui con una patologia cardiaca. Dopo un anno, la coronografia ha messo in evidenza un progresso del loro sistema cardio-vascolare, confrontato con quello dei coscritti sedentari, in uguali condizioni di salute.

Stimolati dagli incoraggianti risultati, i trenta volontari hanno portato avanti l'esperimento per altri quattro anni, raggiungendo una condizione decisamente migliore rispetto a coloro che, nelle stesse condizioni fisiche all'inizio dello studio, hanno condotto una vita sedentaria:le coronarie si sono allargate e la pressione arteriosa si è abbassata. Poiché anche una dieta equilibrata è utile al cuore, i 30 "sportivi" hanno anche accettato di seguire un regime alimentare specifico. Pur assumendo l'abituale quantità quotidiana di cibo, pari a 1850 calorie, questa dieta prevede grosse quantità di verdura e frutta, ma pochi grassi, poche proteine e un limitato apporto di pane e pasta